Logo Arte Investimenti

ArteInvestimenti | Investire con Arte

Vendita opere d'arte di Gastone Biggi, Renato Mambor, Franca Pisani, Paola Romano...

Numeri telefono
Rivalutazione dell'artista (CAI)

Il valore indicato è l'espressione, in percentuale, della rivalutazione media delle opere d'arte dell'artista negli ultimi dieci anni.
Per calcolarlo ArteInvestimenti ha stimato il prezzo di vendita che avrebbe proposto nel 2004 per un'opera d'arte di eguale importanza.

Mostre

Fabrizio Campanella in mostra a Spoleto

Fabrizio Campanella è presente a Palazzo Collicola di Spoleto fino al 3 giugno 2012 con una mostra dal titolo “Virtualismi” curata da Gianluca Marziani. Campanella ha scelto di confrontarsi con avanguardie e individualità, dal Futurismo a Peter Halley, dal Suprematismo al Minimalismo pittorico. Oggi sta adottando un atteggiamento attivo che non cita il passato ma somma i riferimenti per metabolizzarli dentro un codice “altro”. Ed è qui che inizia il suo approccio tra reale e virtuale. E’ qui che nasce il progetto VIRTUALISMI.

La sua realizzazione artistica attraversa sei fasi; Si parte dalla pittura e quindi da un’opera d’arte unica dalla quale si identifica una matrice replicabile e la si elabora digitalmente durante la seconda fase. Il terzo passaggio deborda verso la moltiplicazione della matrice, fino a creare pattern che si trasformano in carta da muro, pavimento, superficie abitabile. E qui arriva il quarto passaggio, quello dell’estensione architettonica, il pattern come sistema geometrico per una versione funzionale del materiale pittorico.
Il quinto passaggio è legato alla produzione di oggetti (tavolo, lampada, tappeto…) dove la matrice resta quella del quadro ma è importante far notare l’artigianalità per dare agli oggetti la valenza scultorea che meritano. Ultimo passaggio è la scultura ambientale.

Dice il direttore: “Ci tengo a mantenere certi caratteri portanti nella mia direzione. Voglio creare una dimensione riconoscibile del museo, non seguendo passivamente le tendenze dell’art system ma proponendo figure da sostenere, lanciare o riscoprire, il tutto su una base di maturità e rigore progettuale, che si tratti di giovani autori o di figure con lunghi trascorsi. L’identità di un museo si crea nel dialogo costante tra le esigenze territoriali e la personalità curatoriale, bilanciando la Storia con il coraggio delle scelte, la certezza dei grandi nomi con la scommessa su autori che altri hanno trascurato o non scovato. Crescono a Palazzo Collicola le presenze di giganti internazionali al fianco di giovani proposte: vi basti pensare alla doppia installazione di James Turrell che sarà visitabile per tutto il 2012, alla scultura ambientale di Sol LeWitt che inaugureremo la prossima estate, alla mostra estiva coi libri d’artista di Richard Prince, fino al grande progetto estivo sulla scultura contemporanea”.

Per informazioni:
Palazzo Collicola
Piazza Collicola 1. 06049 Spoleto (Pg)
Segreteria +39 0743 46434

Categorie

Archivi

Porto Franco

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere notifiche ogni volta che aggiungiamo una notizia.